UN MAESTRO DEL FANTASTICO ITALIANO
ITA  ENG 

FRANCO PIVETTI

I Promessi SposiI PROMESSI SPOSI
Incisioni di Quinto Cenni


Manzoni volle che il suo romanzo desse ai lettori l'impressione di essere un racconto dell'epoca in cui i fatti si erano svolti; e per questa ragione ricorse alla finzione di avere trascritto in lingua moderna un dilavato manoscritto secentesco. Nei trentotto capitoli che costituiscono I promessi sposi le vicende dei protagonisti Renzo e Lucia e la storia del loro matrimonio contrastato dalla prepotenza di un signorotto, don Rodrigo, che può contare sull'acquiescenza del debole parroco don Abbondio e trova un antagonista disarmato soltanto nel coraggioso padre Cristoforo, si intrecciano ai grandi fatti storici occorsi nel Milanese negli anni 1628-1630: carestia, sommossa di San Martino del 1628 a Milano, guerra per la successione al ducato di Mantova e calata dei lanzichenecchi, peste del 1630. L'azione, che comincia il 7 novembre 1628, si svolge tra il paese nativo dei due sposi, situato nel territorio di Lecco, Monza e Milano e si conclude nel Bergamasco, dove Renzo, dopo esservi riparato presso un cugino (là emigrato come lavoratore di seta) per sfuggire alle gravi pene comminategli quale presunto promotore della sommossa di San Martino, si trasferisce con Lucia, ormai sua moglie, e la madre di lei Agnese.
L'opera disegnata da Quinto Cenni nel 1886?, è composta da 38 incisioni che illustrano I principali avvenimenti del racconto.

DATI DELLA MOSTRA:

38 Incisioni originali in b/n.disegnate ed Incise dal famoso illustratore del tempo Quinto Cenni. Stampate a Milano in una edizione libraria da Ferdinando Garbini nel 1886?. Formato del foglio cm. 27x18, formato cornici cm. 50x35 didascalie e percorso didattico.





realizzazione siti internet korgan.it